Dalle diocesi - Comunità del Diaconato in Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dalle diocesi


 Ad Acireale la Festa regionale dei diaconi insieme alle famiglie di Pino Grasso
 
Una riflessione forte sul senso del ministero del diaconato nelle Chiese di Sicilia perché i diaconi siano davvero esperti in umanità a partire dall’invito al convegno Ecclesiale di Firenze che si celebrerà l’anno prossimo sul tema: “In Gesù Cristo il nuovoumanesimo”. E’ stata fatta domenica scorsa in occasione della 13a festa regionale dei diaconi insieme alle famiglie che si è celebrata nella diocesi di Acireale.


Ecco “Camminiamo Insieme”, dei diaconi della diocesi di Milano
Posted on  by Vincenzo Testa
E’ con viva gioia che pubblichiamo il numero di maggio 2014  di “Camminiamo Insieme” il foglio di collegamento fra i diaconi, i candidati e gli aspiranti della Diocesi di Milano. Ecco il Pdf



Ecco il foglio di collegamento dei Diaconi di Como.
Posted on  by Vincenzo Testa
E’ bello condividere le esperienze del nostro ministero. Ed ecco perché pubblichiamo questo foglio di collegamento dei diaconi di Como. Se esistono inviate anche i vostri. Ciò renderà il nostro sito un vero spazio di servizio. Intanto grazie ai diaconi di Como.


Quattro nuovi diaconi a Salerno

Lo Spirito Santo dona altri quattro Diaconi Permanenti alla Chiesa Diocesana di Salerno. Con immensa gioia, ci uniamo al canto dell’Alleluja e alla preghiera di lode e di ringraziamento della Santa Chiesa Salernitana, per gli Accoliti: 
Vincenzo Iacovazzo, Donato Lupo, Pio Occidente Lupo e Cosimo Villani
 
che sabato 21 giugno 2014, nella Cattedrale di Salerno, mediante l’imposizione delle mani di Sua Eccellenza Mons. Luigi Moretti, riceveranno il Sacro Ordine del Diaconato Permanente.

A questi nostri cari Fratelli auguriamo che,  ravvivati  dalla Grazia Sacramentale, possano essere fedeli alla Chiamata del Signore che li vuole al servizio dell’intera Chiesa Salernitana; e alle loro famiglie ogni benedizione di Dio Padre per insieme vivere questa nuova vita ministeriale.

– Coordinatore Regionale dei Diaconi Permanenti
Napoli. 18 giugno 2014


Due diaconi in famiglia

Posted on  by admin
Non sarà un caso unico, ma certamente raro si. Avere due diaconi in famiglia non capita tutti i giorni.


Ordinazione nuovi diaconi a Como
Posted on  by admin
  Il giorno 8 dicembre 2012, solennità dell’Immacolata Concezione, il vescovo mons. Diego Coletti ha ordinato tre nuovi diaconi; il numero dei diaconi in diocesi sale perciò a 14. Leo Cipolletti ci ha fatto pervenire una brevissima presentazione dei novelli diaconi che molto volentieri inseriamo nel sito dell’Associazione. (per l’immagine clicca su leggi tutto)

Potenza quattro nuovi diaconi dopo 11 anni
L’Arcivescovo di Potenza – Muro Lucano – Marsico Nuovo Agostino Superbo domenica 27 novembre 2011 alle ore 18.00 nella Cattedrale del capoluogo ha ordinato  quattro nuovi diaconi. Si tratta di Giuseppe Calace, Giovanni Cozzi, Marco Fasulo e Francesco Sassano. I quattro …hanno seguito tutto l’iter previsto per la formazione presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose. L’ultima ordinazione diaconale in Basilicata risale a circa 11 anni fà.
La scheda dei quattro nuovi diaconi:
Giuseppe Calace, 56 anni, medico di Pignola, sposato con Anna, padre di Michele e Valentina. Responsabile dell’Associazione onlus Ave Maria. Svolge volontariato da molti anni presso l’Ospedale San carlo e servizio pastorale nella parrocchia.
Giovanni Cozzi, 56 anni, informatico dipendente del Ministero per i Beni Culturali, sposato con Carmela, padre di Nicola e Michele, impiegato nella pastorale parrocchiale, Caposcout del Gruppo Agesci Potenza 2.
Marco Fasulo, 39 anni, giornalista professionista dell’Ufficio Stampa del Comune di Potenza, sposato con Valeria e padre di Andrea e Jacopo. E’ impegnato nella pastorale parrocchiale e nell’Ufficio Comunicazioni sociali della diocesi.
Franco Sassano, 68 anni, funzionario della Regione Basilicata in pensione, sposato con Maria Rosaria, padre di Giuseppe e Stefano e nonno di Francesco. Impegnato nella pastorale parrocchiale e nel volontariato vincenziano.


Due nuovi diaconi a Monreale
La Diocesi di Monreale è in festa per l’ordinazione di due nuovi diaconi che saranno ordinati oggi pomeriggio alle 18.00 nella Cattedrale dall’Arcivescovo Salvatore Di Cristina.
Si tratta di Andrea Sollena, 42 anni, originario di Partinico, proveniente dalla parrocchia di Maria Santissima del Rosario di Terrasini, docente di  italiano, latino e greco nei licei, e Antonino Noto, 47 anni, della parrocchia del Santissimo Salvatore di Partinico, insegnante di religione a San Giovanni Jato. Entrambi sono sposati.


Lettera agli aspiranti della Campania
Posted on  by admin
 
Carissimi fratelli in Cristo , sento la necessità di condividere con voi tutti i doni ricevuti nel corso di esercizi spirituali svoltisi ad Ariccia e magistralmente tenuti da S.E. Mons Arturo Aiello ,Vescovo della Chiesa sorella di Teano .


Coor.to Reg.le Campania Calendario 2011
Posted on  by admin
 
COMUNITA’   DEI   DIACONI
Coordinamento  Regionale
Via  Bastioni  – 4
84125    S A L E R N O
  
 
Calendario ATTIIVTA’
 
2010/2011
  :
 
27
        Ottobre (mercoledi) ore  16.00    Commissione Regionale    (TEANO)
  • 7/12
        Novembre                                           Esercizi Spirituali              (ARICCIA)
  • 19
           Gennaio (mercoledi)   ore  16.00       Commissione Regionale   (NAPOLI)
  • 23
            Marzo  (mercoledi)    ore  16.00       Commissione Regionale    (NOCERA)
  • 10
           Aprile  (domenica)                    Giornata di Spiritualità
                                                            (Aspiranti al cammino diaconale e famiglie )  (POMPEI)
    4  
            Maggio (mercoledi)    ore  16.00     Commissione Regionale   (POZZUOLI)
  • 13-14-15
     Maggio                                           Fine Settimana di Spiritualità  (S.GERARDO)
  • 25
        Maggio   (mercoledi) ore  16.00       Commissione Regionale  (NAPOLI)
  • 11
           Giugno                                           Giornata  Regionale             (NAPOLI)
     
     
                           INCONTRO  CON  LE  COMUNITA’   DIACONALI  :
     
    19
                 Gennaio       (mercoledi)                        NAPOLI
  • 14
                    Febbraio       (lunedi)                              CASTELLAMMARE DI STABIA
  • 23
                 Marzo           (mercoledi)                        NOCERA
  • 4
                    Maggio        (mercoledi)                        POZZUOLI
  • 23
                    Maggio         (lunedi)                              AVELLINO
     
     
    Data da stabilirsi:
    CERRETO SANNITA
    BENEVENTO
    NOLA
     
    Comm.ne Reg.leCampania 27.10.10
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    Il giorno 27 ottobre 2010 alle ore 16,30, nella sala riunioni della Curia Vescovile di Teano-Calvi, si è riunita la Commissione Regionale del Diaconato Permanente, per discutere sul seguente o.d.g.:
    Esercizi spirituali dal 7 al 12 novembre ad Ariccia
  • Sostituzione data visita Diocesi Castellammare
  • Costituzione Commissione visita Diocesi
  • Discernimento e cammino di formazione per il Diaconato
  • Giornata di fraternità ad Assisi 27/28/29 dicembre
  • Data e luogo Esercizi spirituali Regionali
  • Pellegrinaggio Regionale a Lourdes
  • Servizio diaconale a Lourdes 10 giorni (periodo luglio agosto settembre)
  • Varie ed eventuali
    Presenti:
    S. E. Mons. Arturo Aiello – Vescovo della Diocesi di Teano-Calvi – Responsabile CEC per il Diaconato
  • Don Giosuè Zannini – – Delegato Vescovile per il Diaconato della Diocesi di Teano-Calvi
  • Don Giuseppe Greco – – Delegato Vescovile per il Diaconato della Diocesi di Salerno-Campagna-Acerno
  • Mons. Vincenzo Mango – Delegato Vescovile di Napoli
  • Don Gaetano Marino – Diacono Rappresentante CoDI
  • Don Francesco Giglio – Diacono della Diocesi di Salerno-Acerno –Campagna
  • Don Roberto Morellini – Diacono della Diocesi Teano-Calvi.
  • Alfredo Fosso – della Diocesi di Capua
  • Pelosi Ciro- della Diocesi di Salerno-Acerno_Campagna
  • Salsano Vincenzo della Diocesi di Salerno-Acerno-Campagna
  • Laurenza Antonio – della Diocesi di Teano-Calvi
  • Esposito Antonio della Diocesi di Caserta
  • Della Valle Salvatore della Diocesi di Caserta
  • Fazone Raffaele – della Diocesi di Alife-Caiazzo
    E’ inoltre presente, quale verbalizzante il Diacono Don Antonio Lobello.
    Presiede la riunione il Vescovo S. E. Aiello, che apre i lavori della Commissione con la recita comunitaria dei Vespri.
    Il coordinatore regionale prende la parola cominciando subito con il fornire il calendario regionale delle attività 2010/2011, che si allega al presente verbale. In particolare si ci è soffermati sui prossimi Esercizi Spirituali per soli Episcopi e Presbiteri che si terranno ad Ariccia dal 7 al 12 novembre c. a.: il Coordinatore Regionale fa presente di aver ottenuto la partecipazione anche di Diaconi , in particolare quelli della nostra Regione e in numero di 20 partecipanti, auspicando la partecipazione di almeno un diacono per Diocesi.
    Il delegato vescovile di Napoli fa sapere che la giornata regionale fissata per l’11 giugno 2011 resta confermata, salvo eventuali impegni improrogabili del Cardinale.
    In merito all’iniziativa delle visite alle Diocesi della Regione questa dovrà servire soprattutto per rendersi conto delle realtà delle varie comunità, circa la preparazione e formazione dei futuri Diaconi, dei vari carismi e dei modo come unificare i percorsi e le idee. Si stabilisce che faranno parte della commissione “ristretta”: Diac. Giglio Francesco Coordinatore Regionale; Don Giosuè Zannini rappresentante del Delegato C.E.C.; Don Giuseppe Greco rappresentante Delegati Vescovili; 2 Diaconi Coordinatori Diocesani.
    Le visite alle Diocesi serviranno ad unificare i vari percorsi di discernimento, formazione teologica e spirituale, ampliare le conoscenze e soprattutto favorire in futuro ritiri spirituali regionali.
    A questo punto nasce l’esigenza da parte dei presenti di affrontare alcune difficoltà registrate negli Istituti Superiori di Scienze Religiose. Tutti i presenti si sono trovati concordi su alcuni punti che si vanno a sintetizzare di seguito.
    L’obbligatorietà dell’iscrizione all’Istituto Superiore di Scienze Religiose comporta gravi difficoltà e disagi, in particolare per gli Aspiranti al Diaconato: in quanto il cammino scolastico non sempre risponde alle esigenze formative finali del Diacono, ovvero materie non necessarie al Ministero proprio; difficoltà per padri e lavoratori di frequentare 5 giorni settimanali (dal lunedì al venerdì) per 4-5 ore di lezioni obbligatoria; costi elevati, quali tassa d’iscrizione, acquisto libri, ed altri pagamenti vari diversi da istituto ad istituto.
    Tutti i presenti sono stati concordi che una variazione e un cambiamento di rotta è necessario pena la lenta agonia e quindi la possibile scomparsa del Diaconato.
    I problemi enunciati potrebbero essere risolti approntando e realizzando negli I.S.S.R. un nuovo piano di studio che segua un percorso più breve approfondendo materie fondamentali per la formazione dei futuri candidati al ministero diaconale. A questo punto don Francesco Giglio ribadisce che alla brevità nel conseguimento finale degli studi segua per il diacono un percorso di specializzazione e di formazione permanente; proposta che i presenti ritengono necessaria.
    I presenti all’unanimità decidono di presentare alla CEC un formulario di domande per chiedere agli Ecc.mi Padri Vescovi di approfondire l’argomento, esprimere il loro parere e prospettare eventuale soluzione.
    A questo punto Monsignor Aiello in modo molto dettagliato fa una breve storia degli I.S.S.R. fermandosi sul ruolo del diacono che non può essere etichettato come sacrestano o chierichetto, il “dono” del diaconato è ricchezza per la Chiesa Universale. In particolar modo questo “dono” diventa indispensabile in quanto una sua lenta agonia e quindi morte porterebbe ad un impoverimento di tutto il clero e ad un serio rischio per la Chiesa. L’Ordine è uno, i gradi sono tre e non possono essere slegati. La sensibilizzazione deve partire dal basso con gli incontri nelle diocesi, poi riportarli nell’incontro di giugno e quindi farli presente nei modi più consoni nella Conferenza Episcopale. Ovviamente bisogna tenere conto che le varie diocesi avendo percorsi diversi, vedi Napoli, dovrebbero unificare i vari itinerari formativi e quindi insieme definire quale sarà quello migliore per la sopravvivenza del diaconato stesso.
    Monsignor Aiello chiede: “chi di voi può preparare un foglio coi punti da presentare”, i presenti scelgono di cooperare tutti per rendere un servizio migliore, don Giglio anzi rilancia che la visita alle varie diocesi potrebbe essere propedeutica per una stesura dettagliata della situazione attuale e quindi formulare domande più appropriate.
    Detto questo don Franco Giglio sugli esercizi ad Ariccia chiede ai diaconi presenti di rispondere al più presto.
    Sempre don Giglio si sofferma sui pellegrinaggi a Lourdes: e fa presente che i diaconi sono poco utilizzati e di aver fatto richiesta affinché gli stessi vengano chiamati per un servizio di 10gg per fare accoglienza ai pellegrini, per le vie Crucis, per rendere servizio agli ammalati. Don Franco dice di essere in attesa di una risposta. In caso di risposta affermativa sarebbe un’opportunità di crescita per tutto il diaconato.
    Don Franco Giglio a fine incontro chiede ai vari diaconi presenti la data degli esercizi spirituali diocesani.
    Mons. Vincenzo Mango, delegato Vescovile di Napoli, per la diocesi di appartenenza fornisce le date: 10.11.12 dicembre; 11,12,13 marzo; 13,14,15 maggio; tutti ad Alberi a Meta di Sorrento.
    La Diocesi di Caserta comunica che gli esercizi spirituali saranno effettuati a Cappella Cangiani (NA) dal 30 giugno al 2 luglio 2011.
    Non avendo null’altro a discutere con la Benedizione di Mons. Aiello la riunione si chiude alle ore 18.00.
    Il Verbalizzante Il Coordinatore Regionale
    Diac. Antonio Lobello Diac. Francesco Giglio


    Incontro 22 maggio diaconi Campania
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    Sabato 22 maggio presso la parrocchia SS.mo Nome di Maria in Puccianiello (Caserta) si è tenuto l’incontro annuale dei Diaconi, Accoliti, Lettori e Aspiranti della regione Campania. Organizzato dalla Commissione Regionale del Diaconato, con la presenza costante di S. E. Mons. Pietro Farina Vescovo di Caserta, l’incontro è stato utile per ribadire il ruolo del Diacono in particolar modo nella nostra regione.
    La giornata ha inizio con il saluto del responsabile regionale per il diaconato, don Francesco Giglio, e con una brevissima riflessione di Mons. Farina. La meditazione durante l’ora media è invece toccata a Mons. Arturo Aiello Vescovo di Teano Delegato CEC per il Diaconato.
    Di seguito vi proponiamo una sintesi della stessa, che è partita dalla lettura di At 2,1-11.
    “Vivere la dimensione del Cenacolo, che non è solo passaggio, ma è una sorta di matrice che dobbiamo vivere anche dopo la missione, […] è nel Cenacolo che troviamo la forza per fare comunione è lì che troviamo la forza di ricaricarci, […] quando non ci sono esperienze di comunione frequenti perdiamo il senso della fratellanza”. Continuando sul brano, Mons. Aiello, ci parla di una comunità infante e/o comunità matura? “A Pentecoste, la comunità è ancora infante (dal greco che non sa parlare), lo Spirito Santo la trasforma in comunità, chiesa adulta, che sa parlare, che non ha paura. La storia dice che la Pentecoste è avvenuta; ma è passata anche nelle nostre chiese (?), […] la lingua che parliamo è ancora da impacciati o è colma dello Spirito Santo” (?). Poi una breve riflessione sui simboli dello Spirito Santo, ed in particolare: il fuoco. “Le lingue di fuoco, non è un fuoco che divampa, un fuoco che fa paura, ma è un fuoco ospitale, dolce. Lingue che si posano su ciascuno […] un solo Spirito che si personalizza in ogni Apostolo, assumendone il carattere, perché l’uomo non è clonato, ogni uomo ha la personalità, […] è come una luce che entra in un prisma, che produce dei riflessi unici, con i suoi effetti, che possono essere comuni ma ognuno ha il proprio riflesso,[…]“. “Ma oggi la nostra lingua è la stessa del mio fratello? perchè oggi sembra di essere ancora ai tempi di Babele […] la storia della salvezza è nel cammino che l’uomo ha fatto da Babele a Pentecoste […] è come un fiume carsico che si inabissa con Israele e rinasce fuori nel mondo, con la Pentecoste […] ma torniamo alla lingua natia, cosa significa, forse è la lingua di dove sono nato? […] no (!) la lingua nativa è quella dei bambini prima che cominciano a parlare, una lingua universale che accomuna tutti i popoli […] che ha un nome “AMORE”. E’ la lingua che tutti i bambini sanno parlare anche se non proferiscono verbo. E’ questa la lingua che noi dobbiamo parlare. Da questo si vede se noi siamo ancora infanti o adulti ed in grado di andare in missione. Il Diacono si misura nel modo come applica questa lingua, questo dono dello Spirito Santo, delle fiamme che ci fanno rapportare così dentro e fuori la Chiesa. […] Fra noi Diaconi, parliamo questa lingua? Ci incontriamo per gareggiare o per fare comunione? Solo la grazie dello Spirito Santo ci fa parlare l’unica lingua natia […] il Diacono diventa così il collante nelle dispute, nel presbiterio e nella comunità”. Così ha concluso la sua meditazione Mons. Aiello, che come al solito ha saputo colmare i cuori di speranza.
    La conclusione prima della Celebrazione Eucaristica è toccata a Mons. Farina: “Fate sempre in modo che il bicchiere del vostro cuore sia sempre pieno di amore verso l’altro in modo da non dover camminare per altre strade alla ricerca di come renderlo pieno. E’ lo Spirito Santo che deve tenerlo sempre pieno per preparare l’accoglienza e per saperci far indossare il grembiule del servizio senza falsità”.
    Parole pregne di spiritualità che lo stesso Vescovo, ha riversato nell’omelia durante la concelebrazione Eucaristica (erano presenti 5 Delegati Vescovili).
    Un passaggio importante Mons. Farina lo ha riservato ai tanti Diaconi Permanenti presenti alla celebrazione, e soprattutto a quelli sposati, che devono effettuare un servizio doppio, sia nelle proprie case che nelle parrocchie dove lo Spirito Santo li ha chiamati.
    Mons. Farina ha poi voluto sottolineare ancora una volta la bellezza di offrire ogni giorno se stessi al Signore attraverso l’amore incondizionato per l’altro.
    Dopo la celebrazione Eucaristica tutti i presenti hanno preso parte ad un pranzo offerto dalla Diocesi di Caserta, curato nei minimi particolari e ricco di specialità locali. Durante lo stesso, grazie alla casualità dell’assegnazione dei posti a sedere, sono nate nuove amicizie, apportatrici di scambi di opinione che hanno arricchito tutti i convenuti.
    Alle 16.30 trasferimento dei presenti presso il Banco delle opere di Carità e relativa testimonianza a dir poco toccante del Presidente dello stesso, Diacono Tamburro Luigi.
    La posizione geografica della Diocesi insiste su di un’area a ridosso del napoletano e con numerosi immigrati presenti sul territorio e notevole è il lavoro che il Banco delle opere di carità deve sostenere nel suo normale operato. Tantissimi i benefici che l’opera comunque trasmette sul territorio.
    Con la celebrazione dei Vespri ha termine questa giornata ricca di emozioni, di preghiera, di convivialità e testimonianze sul campo. La nostra speranza è che lo Spirito di questa giornata resti nei cuori e porti molto frutto.
    23 maggio, 2010 – Solennità di Pentecoste
    Il Coordinatore Regionale
    Diac. Francesco Giglio

    Diaconi Campania Incontro Regionale famiglie
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    TEL. 333 61 61 770 – Mail: diac.francescogiglio@tiscali.it
    Programma Incontro Regionale con le famiglie
    CASERTA – 22 maggio 2010
    Parrocchia “Santissimo Nome di Maria”
    (Puccianiello – Caserta)
    Ore 09:30 ARRIVI ed ACCOGLIENZA
    (seguire indicazioni per raggiungere la Parrocchia)
    Ore 10:00 Ora Media e Meditazione
    Ore 11:30 Pausa Ristoro
    Ore 12:00 CELEBRAZIONE EUCARISTICA
    Ore 13:00 PRANZO
    Ore 16:30 TRASFERIMENTO E VISITA
    Sede Banco delle Opere di Carità
    Ore 17:00 Testimonianza del Presidente del Banco
    Ore 17:30 CELEBRAZIONE VESPRI
    Ore 18:00 CONCLUSIONE
    Salerno, 30 aprile 2010
    Il Coordinatore Regionale
    Diac. Francesco Giglio
    P.S.:
    - Per agevolare gli sforzi organizzativi, vi invito a comunicare entro il 5 maggio c.a. il numero dei partecipanti alla Giornata Regionale (Aspiranti, Lettori, Accoliti, Diaconi, Delegati Vescovili, Mogli, Figli).
    - Portare:
    1) Liturgia delle Ore; 2) Alba per Lettori ed Accoliti; 3) Camice e Stola bianca per Diaconi e Presbiteri.
    - Per il FONDOCASSA è previsto un versamento di € 5.00 a persona.
    Per chi proviene dal nord l’uscita consigliata è S. Maria C.V. con il seguente itinerario:

    All’uscita dell’autostrada prendere la ex S.S. 265 (variante 700) in direzione di Caserta.
    Uscire Caserta centro-Ospedale.
    All’uscita girare a dx; alla rotonda (cimitero) girare a sn per Via G. La Pira;
    in fondo girare a dx Via SS. Nome di Maria.
    Per chi proviene dal sud l’uscita consigliata è Caserta Sud – Marcianise.

    All’uscita dell’autostrada prendere
    la SS.
    265 in
    direzione Maddaloni-Benevento.

    Prendere la variante S.S. 700 e proseguire per Caserta.

    Uscire Caserta centro-Ospedale.

    All’uscita girare a dx; alla rotonda (cimitero) girare a sn per Via G.
    La Pira
    ;
    in fondo girare a dx Via SS. Nome di Maria.


    Verbale Commissione Regionale Campania 10 marzo 2010
    Posted on by admin
    COMMISSIONE REGIONALE DIACONATO
    VERBALE RIUNIONE
    Il giorno 10 marzo 2010 alle ore 16,00, nei locali della C.E.C. di Pompei, si è riunita la Commissione Regionale per il Diaconato, per discutere sul seguente o.d.g.:
    ore 16.00 – ARRIVO ed ACCOGLIENZA
    ore 16.30 – RECITA DEI VESPRI
    Lettura ed approvazione verbale del 13/01/2010
  • Fine settimana di Spiritualità 23/24/25 aprile 2010 presso il Santuario di S. Gerardo
  • Riunione Commissione 5 maggio a Caserta
  • Giornata Regionale 22 maggio a Caserta
  • Convegno Interregionale (Campania-Basilicata-Puglia-Calabria-Sicilia-Sardegna), dal 31 maggio al 2 giugno, a Reggio Calabria
  • Lettura e commento
    Motu Proprio “Omnium in mentem”
    di Benedetto XVI
  • Proposte:
    nascita dell’ Osservatorio Permanente sul Diaconato in Regione;
  • Commissione Diaconato e Famiglia;
  • Commissione Diaconato e Lavoro;
  • Commissione Diaconato e Carità;
  • Commissione Diaconato ed Impegno nel Sociale alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa;
  • Commissione Diaconato e Pastorale Sanitaria;
  • Commissione Diaconato e Pastorale Carceraria;
  • Commissione Diaconato e Nuove Povertà;
  • Commissione Diaconato ed Infanzia Abbandonata;
  • Giornate di studio per gli Aspiranti al Diaconato.
  • Comunicazioni dalle Diocesi
  • Adesioni ed iscrizioni CoDI
  • Proposte, varie ed eventuali
    Presenti:
    Sac. D’Arco Don Beniamino Delegato Diocesi Amalfi – Cava dè Tirreni
  • Sac. Greco Don Giuseppe Delegato Diocesi Salerno-Campagna-Acerno
  • Sac. Zannini Don Giosuè Delegato Diocesi Teano – Calvi
  • Diac. Di Mauro Angelo Diocesi Amalfi – Cava dè Tirreni
  • Diac. Esposito Antonio Diocesi diCaserta
  • Diac. Mezzacapo Agostino Diocesi di Caserta
  • Diac. Grasso Antonio Diocesi di Caserta
  • Diac. Esposito Antonio Diocesi di Caserta
  • Diac. Statzu Clemente Diocesi Sorrento – Castellammare di Stabia
  • Diac. Lepore Massimo Diocesi di Pozzuoli
  • Diac. Marino Gaetano Consigliere nazionale CoDI (Diocesi di Napoli)
  • Diac. Piccolo Antonio Diocesi di Napoli
  • Diac. Marchini Roberto Diocesi di Teano-Calvi
  • Diac. Mauriello Renato Diocesi di Pompei
    Funge da verbalizzante il Diac. Lobello Antonio.
    Prima di iniziare l’incontro, don Giosuè Zannini, Delegato Vescovile della Diocesi di Teano Calvi, prende la parola, portando il saluto di Sua Eccellenza Mons. Arturo Aiello, delegato CEC per il Diaconato, e riferendo che, per sopraggiunti improrogabili impegni pastorali, S.E. non è potuto intervenire.
    Constatata la validità della riunione e considerato il numero sufficiente dei presenti il Coordinatore Regionale dichiara aperta la seduta e relaziona seguendo l’ordine del giorno:
    Precisa che, essendo andata quasi deserta la riunione del 13/01/2010, di essa si è redatto solo il verbale di convocazione.
  • In merito al fine settimana di Spiritualità per il 23/24/25/ aprile 2010, chiede di poter sapere, nel breve tempo possibile, il numero dei partecipanti onde definire il programma ed i costi. Precisa che la sera del 23, Mons. Francesco Alfano Arcivescovo della Diocesi di S.Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia darà inizio all’incontro.
  • La prossima data di convocazione della Commissione Regionale è fissata per il 5 maggio 2010 alle ore 16,00 presso il Palazzo Vescovile di Caserta.
  • Resta confermata la data del 22 maggio 2010, per la Giornata Regionale che si svolgerà nella Diocesi di Caserta ( seguirà programma dettagliato della giornata). Si invitano le Diocesi a comunicare al Coordinatore Regionale via e-mail o telefonicamente, entro il 27 aprile c.a., il numero dei partecipanti onde consentire la preparazione dei pasti. Si precisa altresì che, per la costituzione di un fondo cassa regionale, si chiede l’iscrizione ed il versamento di € 5,00 a persona. Si ricorda altresì che l’incontro avrà la durata dell’intera giornata (ore 9.30 arrivo, ore 18,00 circa conclusione).
  • Comunicazioni riguardanti il convegno interregionale dal 31 maggio al 2 giugno a Reggio Calabria
    Gli argomenti fin qui esposti vengono approvati all’unanimità e si passa quindi alla trattazione del punto 6 dell’ordine del giorno.
    Lettura e commento del Motu Proprio.
    Segue ampia illustrazione da parte del Coordinatore Regionale, il quale fa emergere dalla lettura del documento gli aspetti positivi riguardanti i ruoli e i compiti dei Ministri Sacri: Vescovi, Presbiteri e Diaconi. Invita a guardare con ottimismo ed interpretare in modo appropriato le disposizioni della Santa Sede.
    Dopo la lettura ed il commento del documento consegnato ai presenti segue approfondita discussione.
    Tutti i presenti hanno espresso la loro opinione, concordando, secondo quanto afferma il documento, sulla necessità di sempre meglio chiarire e vivere il Ministero Diaconale, ovvero che, chi riceve l’Ordine Sacro è destinato a servire il popolo di Dio, in rapporto al proprio grado, per un nuovo e peculiare titolo, definendo i Diaconi come coloro i quali ricevono l’abilitazione a servire il popolo di Dio nella diaconia della Liturgia, della Parola e della Carità.
    Dagli interventi emerge la necessità di vivere in fedeltà al magistero il mandato ricevuto, senza preoccuparsi minimamente di esercitare alcun potere di governo, poiché l’ordinazione ricevuta è finalizzata al servizio del popolo di Dio.
    L’assemblea si sofferma anche sulla necessità di curare, da parte dei Pastori delle Chiese locali e dei Delegati Vescovili, il discernimento per i futuri aspiranti al diaconato, auspicando, nell’ambito regionale, una uniformità riguardante i percorsi di studi, le metodologie, le scelte dei candidati e la loro collocazione nei vari ambiti delle pastorali locali.
    A tal proposito, si passa ad approfondire
    il punto 7 riguardante
    le proposte per i campi di impegno pastorale a cui i Diaconi sono destinati e per cui debbono opportunamente prepararsi
    seguendo appositi corsi di specializzazione secondo le proposte presentate.
    Dalla discussione emerge la necessità di costituire un Osservatorio Permanente sul diaconato in regione, in modo da poter, con precisione, sapere quanti sono i Diaconi per le singole Diocesi.
    Si auspica la creazione di siti diocesani dai quali evincere nomi dei Diaconi.
    L’ideale sarebbe la creazione di un apposito sito regionale, ma dalla discussione si evince la difficoltà di tale realizzazione, per cui si preferisce far pervenire alla Segreteria Regionale i dati aggiornati, utilizzando la e-mail del coordinatore regionale.
    Al punto 8 riguardante le comunicazioni delle Diocesi presenti,
    si è lasciato spazio ai singoli rappresentanti, che hanno illustrato e comunicato le varie iniziative in atto nelle proprie Diocesi riguardando, in modo particolare, gli incontri di formazione, di spiritualità e gli esercizi spirituali.
    In merito agli esercizi spirituali, il Coordinatore Regionale comunica che, non essendo stato possibile concordare una data si lascia, per quest’anno, la libertà di svolgere nelle singole Diocesi gli incontri programmati, augurandosi che per l’anno 2011 si possa concretizzare la possibilità di effettuare un unico momento regionale di spiritualità.
    Per quest’anno si propone di partecipare al corso di esercizi spirituali che si terrà nella casa
    “Divin Maestro” della società San Paolo – Ariccia – (Roma) dal 7 al 12 novembre c.a. tenuto da Sua Ecc. Mons. Arturo Aiello.
    Considerato che il corso è riservato ai vescovi e ai sacerdoti, su richiesta del coordinatore è consentita la partecipazione ad un ristretto numero di diaconi.
    Prima di concludere l’incontro il coordinatore ricorda che l’incontro regionale del 2011 resta fissato nella Diocesi di Napoli e ripropone alla Diocesi di Pozzuoli di ospitare l’incontro regionale nell’anno 2012. Evidenzia altresì la necessità di riconfermare l’adesione all’ Associazione del Diaconato in Italia ( CoDI) e di sollecitare nuove iscrizioni.
    Non essendoci altri argomenti all’ordine del giorno, con la recita della preghiera, alle ore 18,30 si è conclusa la riunione e di essa è stato redatto il presente verbale
    .
    Il verbalizzante
    Diac. Lobello Don Antonio

    Incontro di spiritualità Diaconi Campania 23/25 aprile 2010
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    TEL. 333 61 61 770 – Mail:
    diac.francescogiglio@tiscali.it
    Fine Settimana di Spiritualità
    23 – 24 – 25 Aprile 2010
    SAN GERARDO DI MATERDOMINI (AV)
    PROGRAMMA:
    - 23 Aprile 2010
    ore
    15.00
    Arrivi ed accoglienza
    ore
    18.00
    Recita dei Vespri
    ore
    19.00
    Incontro con S.E. Mons. Francesco Alfano
    ore
    20.00
    Cena
    ore
    21.30
    Rosario Meditato
    ore
    22.30
    Compieta
    - 24 Aprile 2010
    ore
    07.30
    Sveglia
    ore
    08.00
    Recita Lodi
    ore
    09.00
    Colazione
    ore
    10.00
    Meditazione
    ore
    12.00
    Celebrazione Eucaristica
    ore
    13.30
    Pranzo
    ore
    17.30
    Adorazione Eucaristica con Vespri
    ore
    20.00
    Cena
    ore
    21.30
    Via Lucis
    ore
    22.30
    Compieta
    - 25 Aprile 2010
    ore
    07.30
    Sveglia
    ore
    08.00
    Recita Lodi
    ore
    09.00
    Colazione
    ore
    11.00
    Celebrazione Eucaristica presieduta
    da S.E. Mons. Gioacchino Illiano
    ore
    12.30
    Pranzo
    ore
    15.00
    Adorazione Eucaristica
    ore
    16.00
    Processione e Benedizione ammalati
    ore
    17.30
    Partenze
    Quota di partecipazione € 120,00 (stanza doppia)
    Supplemento singola € 15,00
    Salerno, 29/03/2010
    Il Coordinatore Regionale
    Francesco Giglio
    P.S.:
    - Per agevolare gli sforzi organizzativi, vi invito a comunicare le adesioni entro e non oltre il 15 aprile c.a. (Aspiranti, Lettori, Accoliti, Diaconi, Delegati Vescovili, Mogli, Figli).
    - Portare:
    1) Liturgia delle Ore e Bibbia; 2) Alba per Lettori ed Accoliti; 3) Camice e Stola bianca per Diaconi e Presbiteri.

    Caffarra ordina otto diaconi permanenti

    Posted on by admin
    Domenica scorsa 7 febbario il cardinale Carlo Caffarra ha ordinato otto diaconi permanenti.
    Si tratta di Francesco Bestetti, Natale Calanchi, Camillo Castegnaro, Stefano Colangeli, Guido Covili Faggioli, Giovanni Fantuzzi, Pietro Gregori e Marco Merigh Tra loro c’è chi cura l’assistenza spirituale ai malati del Policlinico Sant’Orsola, alcuni fanno servizio in parrocchia e altri sono destinati alle nuove realtà delle Unità Pastorali.

    XVIII Giornata del Malato
    Posted on by admin
    Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno
    Ufficio Diocesana Pastorale della Salute
    ————————————————————
    Ai Rev.mi Parroci
    Ai Cappellani Ospedalieri
    Ai Religiosi
    Ai Diaconi
    Alle Religiose
    Ai Ministri Straordinari
    della Comunione
    Alle Associazioni
    Ai Movimenti
    Ai Medici
    Agli Operatori Sanitari
    Al Mondo del Volontariato
    * * I N V I T O **
    “”””””””””””””””””””””””””””””
    In preparazione alla XVIII GIORNATA MONDIALE del MALATO , il giorno 7 FEBBRAIO alle ore 16.00, ci ritroveremo in comunione di preghiera nella Parrocchia del SS. Corpo di Cristo in Pontecagnano per una solenne Veglia di Preghiera .
    Fiduciosi della Vostra partecipazione a questo importante incontro diocesano , in gioiosa fraternità , Vi aspetto .
    Salerno , 31/01/2010
    Il Vicario Episcopale
    Sac. Giovanni Albano

    Coordinamento Regionale Campania 13 gennaio 2010
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    ·
    Ecc.mi Vescovi
    ·
    Delegati Vescovili
    ·
    Coordinatori Diaconali
    OGGETTO: Convocazione Commissione Regionale per il Diaconato
    Carissimi fratelli in Cristo,
    come da calendario ci incontreremo
    MERCOLEDI 13 GENNAIO 2010
    alle ore 16.00 nei locali del palazzo Vescovile di CASERTA
    (Via Redentore,58 – adiacenze Duomo)
    (possibilità di parcheggio atrio interno del palazzo Vescovile):
    ore 16.00 - ARRIVO
    ore 16.30 - RECITA DEI VESPRI
    1. Lettura ed approvazione verbale del 15/10/2009
    2. Comunicazioni riguardanti l’Associazione CoDI
    3. Modifica data giornata regionale del 29 maggio 2010
    4. Ratifica calendario attività regionali
    5. Comunicazioni dalle Diocesi e consegna calendario attività Diocesane anno 2010
    6. Proposte, varie ed eventuali
    Data l’importanza della riunione di prega di essere presenti, per vivere insieme, quali rappresentanti delle 23 Diocesi e delle 2 Abbazie della CEC, questo importante momento di vita comunitaria.
    Salerno, 04/01/2010
    Il Coordinatore Regionale
    Francesco Giglio

    Tre nuovi diaconi a Roma
    Posted on by admin
    Sabato 21 novembre 2009, nella Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma, il cardinale vicario Agostino Vallini ordinerà tre nuovi diaconi permanenti per la diocesi di Roma. Si tratta di Claudio Buccarella, Mauro Migliorati e Roberto Petrecca.
    Buccarella, della parrocchia di San Vincenzo Pallotti, è istruttore del comando dei Vigili urbani di Roma.
    Migliorati, invece, appartiene alla parrocchia di Ognissanti ed è ragioniere in uno studio di consulenza tributaria e commerciale.
    Petrecca proviene dalla parrocchia di Santa Dorotea ed è colonnello dei Carabinieri. Petrecca è il secondo diacono permanente del settore centro.
    Ad oggi i diaconi permanenti della diocesi di Roma sono 117, impegnati nel servizio della Parola, nella Catechesi e nella Carità. Come è noto, i candidati ricevono l’ordinazione al termine di un cammino di formazione spirituale e culturale che dura cinque anni e che prevede il conseguimento della licenza in scienze religiose.

    Posted on by admin
    Enzo Petrolino a Gaeta
    Sabato 14 novembre 2009, il Presidente della Comunità dei diaconi in Italia, su invito del delegato arcivescovile di Gaeta, don Antonio Cairo, ha incontrato i diaconi della diocesi del golfo.
    L’incontro desiderato e atteso è stato importante e significativo in quanto il Presidente Petrolino, figura storica del diaconato italiano, ha offerto una relazione di ampio spessore che ha toccato le tematiche più urgenti che riguardano il dibattito del diaconato in Italia.
    Petrolino ha sottolineato, tra l’altro, l’importanza del discernimento nel cammino di formazione e alcuni aspetti importanti della formazione permanente. Ha, inoltre, evidenziato come il diaconato è, per davvero, quell’esame di coscienza per tutta la Chiesa che consente di allargare gli orizzonti. “I diaconi – sono sue parole- hanno una grande responsabilità. Non si può diventare diaconi senza essere consapevoli di ciò”.
    Il presidente Petrolino ha poi offerto alcuni riferimenti teologici pastorali. La prima cosa è quella di tener presente che la reintroduzione del diaconato ha messo in gioco la Chiesa perche di fronte agli altri ministeri con il diaconato si esplicita la dipendenza da Cristo Servo e il servizio diventa un impegno per tutta la Chiesa. Il diacono è, quindi, il segno sacramentale per tutta la Chiesa e se i diaconi devono essere segno di Cristo allora occorre anche rendere visibile questo segno. La capacità dei diaconi è quella del saper raccontare agli altri l’esperienza diaconale.
    Tre sono le esperienze comuni a tutti: comunionalità, messianicità e diocesanità.
    La comunionalità è il frutto della riscoperta del dato biblico con il ritorno del primato dello Spirito così come indica la Lumen Gentium. E’ lo Spirito che da l’unità che, però, non è conformità. Nel molteplice, insomma, occorre scorgere la complementarietà dei carismi. La diversità, quindi, non deve portare alla conflittualità ma a concorrere alla edificazione della Chiesa. Occorre che i diaconi abbiano ben presente ciò per contribuire a far maturare nella comunità una coscienza diaconale (una coscienza del servizio). Questa comunionalità si traduce poi, nella partecipazione e nella corresponsabilità.
    La missionarietà. Occorre evitare di mortificare il diaconato che non può restare nell’attuale contesto ecclesiale così come è. I diaconi non possono adagiarsi e lo stesso Paolo VI a dire che il ripristino del diaconato è stato voluto per il rinnovamento della Chiesa. Ci si deve chiedere, quindi, che cosa è cambiato nella nostra Comunità e nella nostra Diocesi con l’avvento del diaconato? Se i diaconi fanno ciò che anche altri fanno quale è la differenza? I diaconi, in sostanza, non possono “giustificare” la loro esistenza se vogliono fare ciò che fa il sacerdote o il laico. I diaconi hanno un proprio specifico. Ci sono spazi propri del diacono che partono dal servizio del donarsi agli altri. L’ambito da privilegiare è quello della Carità inteso, però, in senso ampio.
    La diocesanità è il centrare il proprio servizio nella Chiesa locale. I diaconi sono ordinati per la Chiesa locale. Occorre che il diacono resti ancorato ad una Chiesa. Il diacono è un “consegnato” ad una Chiesa e ad un Pastore. C’è, quindi, uno stretto legame con il proprio Vescovo. Il diacono deve inserirsi nel Progetto diocesano e quando “parla” lo fa a nome del Vescovo. Su questa base il legame con il Vescovo è ontologico mentre il legame con il presbitero è pastorale e funzionale. La differenza è enorme. Il diacono è, perciò, chiamato a coltivare la fraternità diaconale e in questo senso convocare incontri per soli diaconi diventa uno strumento utile. Questi incontri di soli diaconi sono:
    - il luogo dello scambio per crescere insieme;
    il luogo della condivisione per sostenersi reciprocamente;
    il luogo dove la fraternità diaconale si costruisce.
    Va, inoltre, precisato che anche il legame con il Vescovo è pastorale, in quanto spetta al Vescovo indicare la missione del diacono. Questa indicazione avviene attraverso la “Missio Canonica”. In questo ambito la priorità resta quella dell’evangelizzazione. Tra i criteri va considerato che è cosa buona e giusta che nessun diacono sia destinato alla propria comunità. Inoltre nella comunità dove viene inviato, il diacono è chiamato a creare forme di capillarità, cioè luoghi, occasioni e momenti di condivisione con piccoli nucleo di fedeli. In questi luoghi sarà più facile far nascere, crescere e sviluppare relazioni umane capaci di mostrare la fede. Il contatto diretto con le persone diventa perciò determinante. Il diacono deve andare a trovare le persone dove queste vivono cercando di stabilire con loro relazioni.

    Tre nuovi diaconi a Rimini
    Posted on by admin
    Il 15 novembre alle 17.30 nella Cattedrale di Rimini, S.E. Mons. Francesco Lambiasi ordinerà cinque diaconi. Di queste due sono candidati al sacerdozio. Si tratta di Davide Arcangeli, 30 anni, già presidente nazionale, dal 2002 al 2004, della FUCI e di Stefano Bellavista di Savignano sul Rubicone, 36 anni.
    Gli altri tre, invece, saranno ordinati diaconati permanenti. Si tratta di Guido Guidi, 63 anni, riminese, perito delle telecomunicazioni in pensione, sposato con Emanuela Torsani, quattro figli; Roberto Marchetto, 69 anni, sposato con Mirella Fabbri, due figli, elettricista in pensione e, infine, Mario Temellini, 37 anni, di San Giovanni in Marignano, insegnante di religione.
    “Con i nuovi ordinati, -informa il quotidiano Avvenire- sale così a trenta il numero dei diaconi permanenti in servizio nella diocesi di Rimini. La prima ordinazione, quella di Bruno Suzzi, risale al lontano 1981. Attualmente altri candidati al diaconato stanno frequentando l’Istituto superiore di scienze religiose “Alberto Marvelli” della citta romagnola”.

    Calendario coordinamento regionale Campania
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    PROPOSTA CALENDARIO ATTIVITA’ REGIONALI 2009-2010
    3 OTTOBRE Incontro di Spiritualità
    Ore 16.00 a Basilica S. Francesco – Cava de Tirreni
    15 OTTOBRE Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a Teano
    13 GENNAIO Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a Caserta
    10 MARZO Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a Pompei
    23-24-25 APRILE Fine settimana di Spiritualità
    Santuario di S. Gerardo
    19 MAGGIO Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a Caserta
    29 MAGGIO GIORNATA REGIONALE
    Intera giornata a Caserta
    ** AGOSTO ESERCIZI SPIRITUALI

    Incontro dei diaconi del Lazio
    Posted on by admin
    Si è tenuto a San Vittorino, lo scorso 10 ottobre 2009, l’incontro dei diaconi del Lazio. Nell’area “Interventi dei Vescovi sul diaconato” riportiamo la relazione tenuta da Mons. Nicola Filippi, delegato diocesano di Roma.

    Incontro di spiritualità 3.10.2009
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    Agli Ecc.mi Padri Vesvovi
    Ai Rev.di Delegati Vescovili
    Ai Rev.di Diaconi
    OGGETTO : Incontro di spiritualità
    Carissimi fratelli in Cristo , nell’anno dedicato ai Sacerdoti ed a tutti gli Ordinati ed i Consacrati , vogliamo insieme dare inizio al nostro anno pastorale e sull’esempio di San Francesco disporre il nostro cuore e la nostra volontà al ” servizio ai fratelli nello spirito di umiltà e di fedeltà alla Chiesa”
    Ci ritroveremo , come Comunità Diaconali della Regione Campania , a Cava Dei Tirreni
    SABATO 3 OTTOBRE 2009
    ( nella chiesa inferiore del Santuraio di San Francesco )
    * ore 16.00 Arrivi ed accoglienza
    * ore 16,30 Preghiera comunitaria
    Riflessione
    Recita dei Vespri
    * ore 18,00 Celebrazione eucaristica .
    Salerno, 26 ottobre 2009
    Il Coordinatore Regionale
    Diac. Francesco Giglio
    P.S. ° L’incontro è aperto a tutte le componenti della Comunità : Aspiranti , Lettori , Accoliti ,
    Diaconi , Mogli e Figli .
    ° Portare l’alba ( per i Ministri istituiti ) ; il camice e la stola bianca ( per i Diaconi ) .
    ° Portare la Liturgia delle Ore .

    Quattro “nuovi” diaconi a Latina
    Posted on by admin
    Sabato 5 settembre alle ore 19.00 nella cattedrale di San Marco, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria, il Vescovo mons. Petrocchi ha ordinato diaconi permanenti Filippo Lisena e Giacomo Cesaro della Parrocchia del Ss. Cuore di Gesù in Borgo Sabotino, Francesco Ruggeri, della Parrocchia S. Famiglia di Quartaccio – Pontinia e Pietro Caianello, della Parrocchia San Luca di Latina. Presenti tutta la comunità diaconale e molti presbiteri, tra i quali il Delegato Vescovile per il Diaconato Permanente don Livio Di Lorenzo, e i parroci delle parrocchie di provenienza dei neo-diaconi: don Amedeo Passeri, padre Alessio Cominciali e mons. Mario Sbarigia. Vicario Generale.

    Ordinati 4 diaconi a Latina
    Posted on by admin
    Articolo pubblicato su “Lazio 7″ di Avvenire di Domenica 20 settembre 2009
    Sabato 5 settembre alle ore 19.00 nella cattedrale di San Marco, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria, il Vescovo mons. Petrocchi ha ordinato diaconi permanenti Filippo Lisena e Giacomo Cesaro della Parrocchia del Ss. Cuore di Gesù in Borgo Sabotino, Francesco Ruggeri, della Parrocchia S. Famiglia di Quartaccio – Pontinia e Pietro Caianello, della Parrocchia San Luca di Latina. Presenti tutta la comunità diaconale e molti presbiteri, tra i quali il Delegato Vescovile per il Diaconato Permanente don Livio Di Lorenzo, e i parroci delle parrocchie di provenienza dei neo-diaconi: don Amedeo Passeri, padre Alessio Cominciali e mons. Mario Sbarigia. Vicario Generale. Per rendere visibile la figura di “Cristo servo sofferente”, il Vescovo nella sua omelia ha ricordato che l’umiltà e l’amore sono le due caratteristiche essenziali che rendono i diaconi permanenti esperti in umanaità, capaci, essendo essi stessi lavoratori e padri di famiglia, di capire meglio e aiutare gli altri nelle tante problematiche esistenti nella Chiesa e nella società.
    Particolarmente toccante è stato il momento della prostrazione dei diaconi con le loro mogli accanto, a garanzia delle virtù evangeliche dell’umiltà e dell’amore. Sempre in questa atmosfera, resa piena dalla presenza dello Spirito, è avvenuta la vestizione degli abiti diaconali, la stola e la dalmatica, segno visibile del loro ingresso nella comunità diaconale, che nella nostra diocesi sta diventando sempre più consistente, raggiungendo per quest’anno il numero di 13 membri. Queste nuove quattro ordinazioni confermano che il nostro Vescovo ripone fiducia su questi “preziosi collaboratori” nella edificazione di una Chiesa Pontina “più-Una”, purchè essi vivano con fedeltà il ministero cui sono stati chiamati” (F.R.)

    Giornata regionale del diaconato del Lazio
    Posted on by admin
    Coordinamento Regionale della Regione Ecclesiastica del Lazio

    Roma, 14 settembre 2009
    Carissimo fratello diacono
    Sei invitato a partecipare alla giornata regionale del diaconato che si terrà il giorno 10 ottobre ’09, che si svolgerà presso il Santuario Nostra Signora di Fatima a San Vittorino Romano.
    PROGRAMMA
    ·
    Ore 9,00
    Accoglienza – registrazione
    ·
    Ore 9,30
    Celebrazione Lodi
    ·
    Ore 10,15
    Conferenza tenuta da mons.
    Nicola Filippi
    delegato episcopale per il diaconato diocesi di Roma.
    ·
    A seguire condivisione
    ·
    Ore 12,45
    santa Messa presieduta da SE Rev mons.
    Lino Fumagalli
    vescovo
    di Sabina – Poggio Mirteto
    ·
    Ore 13,30
    pranzo c/o i locali di san Vittorino
    ·
    Ore 15.15
    Assemblea di proposta e verifica
    ·
    Ore 16.30
    Vespri
    Per il pranzo la quota di partecipazione è di € 25,00 da versare al momento della registrazione, mentre per la santa messa portare camice e stola verde.
    All’evento potranno partecipare, se lo desiderano, oltre alla moglie ed ai figli, anche coloro che hanno intrapreso li cammino di discernimento e formazione al ministero diaconale.
    Un fraterno saluto in attesa di incontrarti
    NB: Dare conferma entro il 5 ottobre per poter organizzare meglio l’evento; Portare il breviario.
    il segretario Il coordinatore regionale
    diac.
    Generoso Sellitto
    diac.
    Francesco Mattiocco

    Calendario diaconi campani
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    PROPOSTA CALENDARIO ATTIVITA’ REGIONALI 2009-2010
    3 OTTOBRE
    Incontro di Spiritualità
    Ore 16.00 a Basilica S. Francesco – Cava de Tirreni
    15 OTTOBRE
    Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a Teano
    13 GENNAIO
    Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a ……….
    10 MARZO
    Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a ……….
    23-24-25 APRILE
    Fine settimana di Spiritualità
    Santuario di S. Gerardo
    19 MAGGIO
    Riunione COMMISSIONE REGIONALE
    Ore 16.30 a ……….
    30 MAGGIO
    GIORNATA REGIONALE
    Intera giornata a ……….
    ** AGOSTO
    ESERCIZI SPIRITUALI

    Dal Kenia: professione perpetua e diaconato
    Posted on by admin
    Kenya: Professione perpetua e diaconato Scritto da Daniele Giolitti, imc
    Jambo dal nord del Kenya!
    In questo mese qui a Wamba il popolo nomade Samburu gioisce e fa festa. Per la pioggia! Sì, dicono che è una vera e propria benedizione dal cielo in questa terra arida e polverosa. L’acqua è talmente preziosa che un detto Samburu dice: “Non attraversare il deserto se non hai acqua!”. Questo sta anche a significare che bisogna riflettere e prepararsi su quello che uno vuole fare nella vita.


    Per me, dopo tanti anni di preparazione in Italia e in Kenya con i Missionari della Consolata, finalmente il 15 dicembre 2007 a Wamba celebreremo la festa della mia ordinazione diaconale.


    Inutile dire che sono contentissimo per il dono grande della professione religiosa perpetua e del diaconato, vere e proprie benedizioni del buon Ngai (Dio).

    Come dice la parola stessa diakonia (servizio), il diacono è colui che nella Chiesa serve con il ministero della Parola, dell’Eucaristia e della carità. L’esempio da seguire è e non può che essere Gesù di Nazareth che “mise dell’acqua in una bacinella, e cominciò a lavare i piedi ai discepoli” (Gv 13:5).

    In questi anni ho cercato di approfondire così quel rapporto con Lui, e dalla sua chiamata iniziale, ho potuto sperimentare quel suo “lavare i piedi ai discepoli”. Non è stato sempre facile. Ma ne è valsa la pena. E quando uno sente che è proprio voluto bene, è allora che si butta nella missione. Missione che è soprattutto contemplazione e azione. Missione che si fa servizio.

    Per questo sono felicissimo di ricevere il diaconato in Kenya, dove mi trovo da quattro anni e mezzo, perché come missionario ha un significato particolare. Infatti, durante il rito di ordinazione indosserò anche la stola, che in antichità era usata da ufficiali inviati come messaggeri. Così la provenienza del messaggio poteva essere identificata da lontano, riconoscendo il distintivo della stola. Allo stesso modo oggi, la stola del diacono è il simbolo di colui che è inviato da Gesù per portare il messaggio del suo Vangelo.

    Questo è essere missionario. E specialmente qui al nord del Kenya dove a volte i conflitti tra gruppi tribali sono all’ordine del giorno, a causa della terra, del bestiame, delle ingiustizie, della povertà o anche solo per un bicchier d’acqua! Inoltre le nuove elezioni presidenziali del paese sono alle porte e la situazione potrebbe peggiorare. C’è bisogno di pace.

    E allora proprio qui il missionario deve essere presente, per servire e, soprattutto, per portare la vera acqua viva, Gesù di Nazareth.

    Vi sento tutti vicini. Una preghiera. Un grande saluto.

    4 nuovi diaconi a Palermo
    Posted on by admin
    Come già annunciato domenica 28 giugno, a conclusione dell’anno paolino, nella Chiesa Cattedrale di Palermo sono stati ordinati, da S.E.R. mons. Paolo Romeo, 4 diaconi permanenti. 

    Nuove ordinazioni a Palermo
    Posted on by admin
    Come già annunciato domenica 28 giugno, a conclusione dell’anno paolino, nella Chiesa Cattedrale di Palermo sono stati ordinati, da S.E.R. mons. Paolo Romeo, 4 diaconi permanenti.
    Si tratta di:
    · Mario Dal Grande, 63 anni, sposato e nonno, pensionato Telecom, della Parrocchia di “Maria SS. del Rosario” a Cruillas,
    · Rosario Di Fazio, 52 anni, sposato, commercialista, della Parrocchia S. Alberto Magno,
    · Tomaso Incorvaia, 44 anni, celibe, docente di Religione presso l’ICS “Luigi Pirandello” di Palermo, della Parrocchia di Maria SS Madre della Chiesa,
    · Giovanni Lo Sardo, 52 anni, sposato, insegnante di Religione, svolge il suo servizio pastorale nella Parrocchia S. Maria della Pace ai cappuccini.
    Salgono a 36 il numero dei diaconi permanenti di Palermo, coordinati da Mons.Gioacchino Gammino, delegato Arcivescovile.
    Oggi 1° luglio è previsto il primo incontro tra i “vecchi” Diaconi e i nuovi, con le rispettive famiglie, presso la Parrocchia di S.Maria di Monserrato, dove dopo la celebrazione dei Vespri è previsto un momento di fraternità.
    Continuiamo a pregare per i novelli Diaconi, ma anche per gli otto accoliti che stanno proseguendo nel cammino di preparazione teologico che di formazione spirituale in preparazione all’Ordinazione diaconale.
    Un fraterno saluto.
    Mottola Domenico

    Incontro regionale diaconi campani 6.6.2009
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni – 4 -
    84125 S A L E R N O
    ===========================
    In una giornata soleggiata , si è ripetuto il rito dell’incontro non tra Giuseppe Garibaldi ed il Re Vittorio Emanuele , ma tra le diverse Comunità Diaconali della Regione Campania . Alle ore nove del mattino di sabato 6 giugno 2009 , con mezzi diversi sono giunti a Teano 140 Diaconi , 40 tra Aspiranti , Lettori ed Accoliti , 4 Delegati Vescovili , 50 tra mogli e figli per trascorrere in comunione una giornata di spiritualità e di fraterna convivenza . L’accoglienza è avvenuta nell’Auditorium Diocesano , e dopo il saluto del Coordinatore Regionale Diac. Giglio Francesco ed il Delegato Vescovile della Diocesi di Teano-Calvi , Sac. Don Zannini Giosuè , si è ceduto il palco al Padre Vescovo Mons. Arturo Aiello , Delegato C.E.C per il Diaconato . Con la recita dell’Ora Media e la lettura del brano tratto dagli Atti sulla scelta dei primi sette Diaconi , il Presule ha dato inizio alla sua riflessione evidenziando con calore il valore ed il ruolo del Diacono il quale vive una doppia cittadinanza :
    è laico e chierico , è nel mondo e nella Chiesa , per cui è portatore di un rapporto incontro-scontro che se è finalizzato all’equilibrio e alla positività fa nascere il bene . E’ dalle domande , dalle difficoltà , dalle situazioni che nascono le necessità .
    Anche per i primi sette Diaconi è stato così :
    dal malcontento fra gli Ellenisti e gli Ebrei sulla cura delle vedove e della carità nacque il ” servizio ” e quindi i Diaconi
    .
    Mons. Aiello partendo da queste osservazioni arriva ad esporre la finalità dei Diaconi che nascono quindi per le
    ” Mense”
    : della
    Parola
    , del
    Pane Eucaristico
    , della
    Carità
    ,e dell’
    Ascolto
    .
    Tutto questo dire è stato fatto con il cuore e quindi poichè è stato così profondo e penetrante è riuscito a coinvolgere tutti i presenti facendo nascere in loro la gioia di essere ”
    Servi del Signore
    e, citando San Tommaso e Sant’Agostino, ha detto che ” è meglio zoppicare sulla via del bene che correre sulla via del male ” .
    Lo stesso clima di preghiera e di riflessione si è perpetuato anche nello storico Duomo , dove una solenne celebrazione ha suggellato il secondo momento dell’incontro . Il primo ”
    la mensa della Parola
    ” , il secondo ”
    la Mensa del Pane Eucaristico
    ” . In questa fase il nostro Padre Vescovo ha detto che la gioia più grande per il cristiano è il condividere con i fratelli e le sorelle l’essere insieme intorno alla
    Mensa
    dove tutti si devono sentire invitati ed accolti . Anche questo deve essere il nuovo stile dei cristiani del terzo millennio, e non sperare che solo chi ha, deve dare, ma anche chi non ha, può dare e divenire; come la vedova del Vangelo che donò tutto ciò che aveva e con quel gesto si accaparrò l’elogio del Signore .
    Come è bello sentirsi fratelli superando anche le difficoltà economiche purchè quello che si ha, si offre con il cuore .
    Il terzo momento ”
    quello
    dell’agape fraterna
    ” è stato veramente significativo, perchè tutti i presenti si sono sentiti come gli invitati alle nozze e quindi hanno partecipato non ad un pasto , ma per il posto ,l’organizzazione ed il servizio ,ad una festa nuziale con antipasto , primo , secondo , contorno , frutta , dolce e caffè .
    Il quarto momento è stato
    l’incontro-visita ai reperti storici di Teano e all’incontro profondo e significativo con il Monastero di clausura delle Benedettine dell’adorazione del SS. Sacramento di Teano .
    In questo luogo ci siamo sentiti riscaldati ed illuminati dalla luce di carità e di preghiera che da esso si sprigiona . Con un dolce sorriso Madre Enrica Marelli , che attualmente guida la comunità, insieme alle altre sorelle ci hanno accompagnati in visita alla chiesa edificata nel XV secolo , al SS. Sacramento , al coro , ed ai vari ambienti del monastero . L’ncontro
    si è concluso lasciando in tutti il desiderio di rivivere questi momenti e quindi siamo partiti da Teano portando negli occhi e nel cuore il ricordo di una giornata importante dove tutti abbiamo avuto la certezza che non è vero che non si può sperare in un futuro diverso , basta solo avere la forza , il coraggio e la volontà di continuare a lavorare con impegno e serietà .
    Un grazie di cuore alla Chiesa sorella di Teano-Calvi , al suo Pastore , al suo presbiterio e ai suoi Diaconi , che con un dispendio di energie e anche di denaro , ci hanno fatto gustare la bellezza di essere in comunione , in comunità ed in continuità con la
    Chiesa ” Madre e Maestra “
    .
    La memoria di questa giornata rimane impressa nel nostro cuore e, volendo condividere con tutti i fratelli Diaconi della Regione Campania questa memorabile esperienza, vale per tutto e per tutti quello che si legge , come saluto della comunità monastica , appena varcato il pesante portone di legno del Monastero della Suore di clausura :
    ” Pace a te che dal tuo mondo vieni a questo pregno di spiritualità .
    Il Signore qui è il padrone .
    Egli ti accoglie come fratello , come figlio .
    Apri la tua mente , apri il tuo cuore .
    Una luce nuova ti pervaderà ,
    una speranza senza confini si farà strada dentro di te “
    L’arrivederici , a Dio piacendo , è nel
    2010
    nella Chiesa sorella di
    Caserta
    e nel
    2011
    in quella di
    Napoli
    .
    Il Coordinatore Regionale
    Diac.
    Francesco Giglio

    Verbale incontro diaconi campani 6 giugno 2009
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI – COORDINAMENTO REGIONALE
    VIA BASTIONI, 4 84125 SALERNO
    TEL. 3336161770
    VERBALE RIUNIONE COMMISSIONE REGIONALE
    Come da calendario, il giorno 20 maggio 2009 alle ore 16:00, nei locali della C.E.C. di Pompei, si è riunita la Commissione Regionale del Diaconato per discutere sul seguente o.d.g.:
    Incontro Regionale a Teano 6 Giugno 2009 –
    programma e svolgimento della giornata
  • Convegno Nazionale 3/6 Agosto 2009 –
    S. Giovanni Rotondo
  • Comunicazioni dalle Diocesi
  • Varie ed eventuali
    Erano presenti i Diaconi di sei Diocesi e due Delegati Vescovili: Assenti quattro Diaconi giustificati per motivi di lavoro e tre Delegati Vescovili per impegni pastorali.
    Dopo la recita dei Vespri si è passati subito a trattare il 1° punto all’o.d.g.
    Il Coordinatore Diacono Giglio consegna il programma dettagliato dell’Incontro Regionale, da tenersi il giorno 6 giugno p. v. a Teano. La mattinata sarà dedicata alla parte spirituale, con ora media, meditazione e Celebrazione Eucaristica, predisposta, sviluppata e presieduta da S. E. Padre Vescovo Mons. Arturo Aiello. Dopo il pranzo, interamente offerto dalla Diocesi di Teano, il pomeriggio sarà dedicato ad una visita guidata alla città e alla scoperta della sua arte, storia e folclore.
    Si è confermato, inoltre, la richiesta di un contributo di € 5,00 per partecipante, da destinare alla cassa della Comunità. I presenti, su richiesta del Coordinatore comunicano le seguenti possibili partecipazioni: Diocesi di Napoli 80-100 persone, Diocesi di Pozzuoli circa 20 persone, Diocesi di Caserta circa 30 persone, Diocesi di Sorrento/Castellammare circa 7 persone, dalla Diocesi di Salerno circa 40 persone e dalla Diocesi di Capua circa 4 persone. Le altre Diocesi, su invito del Coordinatore, faranno pervenire nel più breve tempo possibile le loro adesioni, onde agevolare la macchina organizzativa predisposta dalla Diocesi di Teano.
    A tal proposito all’unanimità i presenti ribadiscono la indispensabile necessità di essere più presenti agli incontri della Commissione (sia i Diaconi Coordinatori che i Delegati Vescovili Diocesani) onde consentire che le proposte discusse in Commissione siano largamente condivise e inserite nei programmi diocesani ed in modo particolare la rappresentanza ufficiale agli incontri della Commissione e le date degli incontri regionali. Inaugurata dalla Diocesi di Teano la turnazione ad accogliere l’evento regionale per il 2010 la Commissione invita la Diocesi di Caserta ad ospitare il prossimo incontro, stabilendo che tale incontro si effettuerà in data 12/06/2010 e invita le altre Diocesi a dare la loro disponibilità per gli anni successivi e possibilmente per il 2011 la Diocesi di Napoli.
    La Commissione ribadisce altresì la necessità di effettuare gli Esercizi Spirituali Regionali ed invita, altresì, le Diocesi a farsi promotori di tale iniziativa, anch’essa possibilmente a turnazione nei propri territori.
    Circa il Convegno Nazionale che si terrà dal 3 al 6 agosto c. a. a S. Giovanni Rotondo, il Coordinatore Diacono Giglio comunica che in tale occasione si svolgeranno le elezioni per le nuove cariche direttive dell’associazione nazionale Co.D.I. (Comunità del Diaconato in Italia), alle quali possono e devono partecipare i solo iscritti. Si spera che con le elezioni si abbia un rinnovamento nella continuità piuttosto che un totale cambiamento di persone che farebbe ricominciare da capo il lavoro già avviato sia con le Comunità che con i Padri Vescovi ed ancora con le Conferenze Episcopali sia nazionale che regionali .
    Il Coordinatore ricorda, inoltre, che è auspicabile, come da indicazione della CEI, una maggiore estensione in tutte le Regioni delle Commissioni Regionali, la nomina di un Vescovo Delegato, di un Coordinatore e di un Coordinamento Regionale.
    Inoltre, si auspica, come indicato da S. E. Mons. Castellani, Responsabile C.E.I. per il Diaconato Permanente, la nascita della Commissione Permanente Nazionale sul Diaconato, l’Osservatorio, che monitorizzi sia il numero e le varie problematiche, riguardante la formazione e l’inserimento dei Diaconi nelle varie Pastorali Diocesane e l’organizzazione di un Convegno Nazionale che veda riuniti tutti i Vescovi, i Delegati Vescovili, i Coordinatori Regionali e i Diaconi d’Italia.
    La parte conclusiva della riunione è stata dedicata allo scambio di informazioni tra le realtà diaconali delle Diocesi presenti: la Diocesi di Napoli comunica che è in fase di allestimento un Nuovo Direttorio Locale, che terrà presente le varie difficoltà logistiche e soprattutto di orari per la partecipazione alla Facoltà Teologica nonché all’istituzione di una Scuola di Formazione dei futuri Diaconi staccata dalle Facoltà Teologiche di Napoli.; la Diocesi di Caserta comunica di essere in attesa del nuovo Padre Vescovo, S. E. Mons. Farina, che succede a S. E. Mons. Nogaro, che darà nuove linee guida alla Diocesi; la Diocesi di Pozzuoli comunica che, annualmente, i Diaconi si incontrano per gli Esercizi Spirituali dettati dal loro Padre Vescovo.
    A conclusione dei lavori l’auspicio dei presenti è quello di essere numerosi a Teano nonché di prendere a cuore il lavoro regionale onde consentire la nascita di una mentalità di comunione e di comunità per fare della nostra Chiesa Regionale “la casa e la scuola della comunione”
    Con la preghiera della Salve Regina la riunione si è conclusa alle ore 18:00.
    IL VERBALIZZANTE IL COORDINATORE REGIONALE
    - Luigi Crescenzo – – Diac Francesco Giglio -

    Incontro Regionale Diaconi Campani 6.6.09
    Posted on by admin
    COMUNITA’ DEI DIACONI
    COORDINAMENTO REGIONALE
    Via Bastioni, 4
    84125 – SALERNO
    TEL. 333 61 61 770 – Mail: diac.francescogiglio@tiscali.it
    Programma Incontro Regionale con le famiglie
    TEANO – 6 giugno 2009
    Ore 09:00 ARRIVI ed ACCOGLIENZA
    (seguire indicazioni per raggiungere l’Auditorium Diocesano ed ivi parcheggiare)
    Ore 10:00 Presso il Salone dell’Episcopio (o Auditorium)
    Ø
    INCONTRO CON S.E. PADRE VESCOVO
    MONS. ARTURO AIELLO (Delegato C.E.C. per il Diaconato)
    Ø
    ORA MEDIA e MEDITAZIONE
    Ore 12:00 CELEBRAZIONE EUCARISTICA IN CATTEDRALE
    (portare Alba, Camice e Stola Bianca)
    Ore 13:30 PRANZO IN SEMINARIO
    Ore 16:30 VISITA GUIDATA ALLA CITTA’
    Alla scoperta della sua Arte, Storia e Folclore
    Salerno, 25/05/2009
    Il Coordinatore Regionale
    Francesco Giglio
    P.S.:
    - Per agevolare gli sforzi organizzativi, vi invito a comunicare con la massima urgenza il numero dei partecipanti alla Giornata Regionale (Aspiranti, Lettori, Accoliti, Diaconi, Delegati Vescovili, Mogli, Figli). Grazie
    - Per il FONDOCASSA è previsto un versamento di € 5.00 a persona.

    Convocazione Commissione diaconale Regione Campania
    Posted on by admin
    ·
    Ecc.mi Vescovi
    ·
    Delegati Vescovili
    ·
    Coordinatori Diaconali
    OGGETTO: Convocazione Commissione Regionale per il Diaconato
    Carissimi fratelli in Cristo,
    come da calendario ci incontreremo
    MERCOLEDI 20 MAGGIO 2009
    alle ore 16.00 nei locali C.E.C. di Pompei con il seguente ordine del giorno:
    ore 16.00 - ARRIVO
    ore 16.30 - RECITA DEI VESPRI (portare la liturgia delle ore)
    - Incontro Regionale a Teano 6 Giugno 2009
    programma e svolgimento della giornata
    - Convegno Nazionale 3/6 Agosto 2009
    S. Giovanni Rotondo
    - Comunicazioni dalle Diocesi
    - Varie ed eventuali
    Data l’importanza della riunione di prega di essere presenti.
    Salerno, 14/05/2009
    Il Coordinatore Regionale
    Francesco Giglio
    P.S. IMPORTANTE
    Per agevolare gli sforzi organizzativi,vi invito a comunicare, in occasione della riunione, il numero dei partecipanti alla Giornata Regionale (Aspiranti, Lettori, Accoliti, Diaconi, Delegati Vescovili, Mogli, Figli). Grazie

    Cordoglio per don Franco Giglio
    Posted on by admin
    La Comunità diaconale di Salerno – Campagna – Acerno si stringe intorno al Coordinatore regionale della comunità diaconale don Franco Giglio per la perdita del caro padre Nicola e all’unisono diciamo: «Hai combattuto la buona battaglia, hai terminato la tua corsa, hai conservato la fede ora và, và verso la nuova vita che ti aspetta, non avere nessun timore. Vai verso la luce e verso quelli che hai amato. Li ritroverai tutti. Ti aspettano per andare insieme verso Dio. Và senza timore, sei forte, tu non sarai mai solo».
    Anche tutti gli amici diaconi e collaboratori del sito si uniscono a don Franco Giglio in questo momento così particolare della sua esistenza terrena,

    Riunita l’11 marzo la commissione reg.le della campania
    Posted on by admin
    COMMISSIONE REGIONALE DIACONATO
    VERBALE RIUNIONE
    Come da calendario, il giorno 11 marzo 2009 alle ore 16:30, nei locali della C.E.C. di Pompei, si è riunita
    la Commissione Regionale del Diaconato per discutere sul seguente o.d.g.:
    1.
    Recita dei Vespri;
    2. Lettura ed approvazione Verbale del 14/01/09;
    3. Canonizzazione della Beata Caterina Volpicelli (Roma 26 aprile 2009);
    4. RINVIO fine settimana di spiritualità 24/25/26 aprile 2009 a S. Gerardo;
    5.
    Suggerimenti ed abbozzo “Programma Giornata Regionale del Diaconato” a Teano il 6 giugno 2009;
    6. Varie ed eventuali .
    Erano presenti i Diaconi di sette Diocesi della Campania e tre Delegati Vescovili.
    Dopo la recita dei Vespri si è data lettura del verbale della scorsa riunione del 14 gennaio scorso, ricevendone l’unanime approvazione.
    Il Coordinatore Diacono Giglio passa poi a trattare dei punti 3. e 4. all’od.g., per decidere sull’eventuale rinvio o annullamento dell’incontro di spiritualità predisposto per i giorni dal 24 al 26 aprile p. v. a S. Gerardo. In data 26 aprile in S. Pietro ci sarà la solenne canonizzazione di Caterina Volpicelli, fondatrice dell’Istituto “Ancelle del Sacro Cuore”: figlia della terra napoletana, ella è vissuta dal 1839 al 1894, un periodo molto fiorente per vocazioni di forte spiritualità e santità, tra i quali eccelse anche Padre Ludovico da Casoria, suo padre spirituale che la fece innamorare dei “consigli evangelici”. Al suo nome si associano anche quelli di S. Giuseppe Moscati, del Beato Bartolo Longo, la Venerabile Maria Rosa Carafa, Giulia Salzano e Isabella De Rosis. Pertanto, tutta la Chiesa che è in Napoli e nella Regione Campania deve sentirsi maggiormente impegnata nella piena e viva partecipazione a tale evento. All’unanimità si decide di annullare tale evento, non essendo possibile rinviarlo a causa di successivi eventi non meno importanti, tra i quali l’incontro generale di aspiranti, lettori, accoliti e diaconi, unitamente alle famiglie, da tenersi il prossimo 6 giugno in Teano e l’incontro nazionale del Diaconato che si terrà in agosto in San Giovanni Rotondo.
    Circa l’incontro della “Giornata Regionale del Diaconato” del prossimo 6 giugno a Teano, il Coordinatore Regionale ha portato a conoscenza dei partecipanti che la mattinata, dedicata interamente alla spiritualità, sarà organizzata a cura del Padre Vescovo Mons. Aiello che, tra l’altro, offre anche il pranzo in tale circostanza. Il pomeriggio sarà dedicato a un momento di sano rilassamento, visitando insieme i luoghi della città ospitante. In tale occasione, essendo le casse della Comunità molto esigue, si decide di chiedere un contributo di € 5,00 ad ogni partecipante, esclusi i familiari.
    La parte conclusiva della riunione è stata dedicata allo scambio di informazioni tra le varie realtà diaconali delle varie Diocesi . A Tale scopo nei prossimi incontri verranno consegnati elenchi completi dei siti ed e-mail delle varie Comunità Diaconali. Sin da ora il Coordinatore comunica che si possono attingere notizie che riguardano anche i lavori di questa Commissione Regionale sui siti
    ,
    www.ildiaconato.it
    e
    .
    Dandosi appuntamento al prossimo incontro, come da calendario, che si terrà in questi stessi locali il giorno 20 maggio p. v. alle ore 16:30, con la preghiera dell’Ave Maria, la riunione ha avuto termine alle ore 18:00.
    IL VERBALIZZANTE
    &
    IL COORDINATORE REGIONALE
    -Luigi Crescenzo- -Diac. Francesco Giglio-

    Caterina Volpicelli: “La buona samaritana napoletana”
    Posted on by admin
    CATERINA VOLPICELLI : ” la buona samaritana napoletana “.
    Il giorno 21 gennaio 1839 nasceva , in una famiglia dell’alta borghesia napoletana , Caterina Volpicelli . In quella bellissima casa trascorse la sua adolescenza cibandosi di musica , di studio delle lettere e di teatro . Sembrava essere questo il suo mondo , ma le vie del Signore non sono le nostre vie , e più tardi la bella giovane sentì e scoprì di essere chiamata alla vita religiosa .
    Al posto del direttore artistico del teatro e del direttore d’orchestra , trovò il direttore spirituale nella persona di Padre Ludovico da Casoria che la fece innamorare dei ” consigli evangelici ” da incarnare nel bel mezzo di quella società napoletana del suo tempo . Si innamorò anche del Sacro Cuore di Gesù e con alcune sue collaboratrici si dedicò alla diffusione dell’Apostolato della preghiera . Trovò ispirazione per la sua opera in quella di Louise-Thérèse de Montaignac e quando l’allora arcivescovo di Napoli , Sisto Riario Sforza , comprese l’originalità della sua proposta , nell’approvarla fece nascere la ” Pia unione della Ancelle del Sacro Cuore ” .
    Nel 1890 , Caterina , ottenne dalla Santa Sede e dalla Sacra Congregazione dei Vescovi il ” Decreto di lode “ e nacquero così le ” Ancelle del Sacro Cuore ” .
    Un cammino tutto in salita fino a quel momento e quando la giovane Congregazione aveva forse più bisogno della sua presenza , il 28 dicembre del 1894 , chiudeva la vita terrena , tornando alla casa del Padre e accanto a quel Cuore che in vita aveva tanto amato , Caterina Volpicelli , fondatrice delle Ancelle del Sacro Cuore .
    Quel giorno le sue figlie e Napoli tutta pianse , oggi invece gioiscono perchè la Chiesa l’ha proclamata Santa .
    Il suo cammino di santità comincia il 25 marzo 1945 quando Pio XII la dichiara ” Venerabile “ . Giovanni Paolo II il 28 giugno 1999 promulgò il Decreto sul miracolo ed il 29 aprile 2001 , in Piazza S: Pietro la proclamò ” Beata “. Il 6 dicembre 2008 , il Santo Padre Benedetto XVI , ha firmato il Decreto di riconoscimento del miracolo dando inizio al processo di canonizzazione . Oggi 21 febbraio 2009 , nell’odierno concistoro , ha fissato la data della canonizzazione .
    Ancora una volta mi sento orgoglioso di appartenere a questa “Campania Felix ” ed a questa santa Chiesa campana perchè la Santità di Dio si riflette in tanti suoi figli e figlie .
    Caterina ,appartiene ad una cordata di Santi e di Beati dediti all’apostolato religioso e sociale , che hanno fatto grande la Fede delle nostre genti . Al suo nome si associano quelli del Beato Ludovico da Casoria , S. Giuseppe Moscati , il Beato Bartolo Longo , la Venerabile Maria Rosa Carafa , Giulia Salzano e Isabella De Rosis . Tutti innamorati dei poveri e degli ammalati , per cui credo sia giusto definire Caterina Volpicelli ” la buona samaritana della Napoli del suo tempo ” .
    Chi come me , strettamente legato a questa Santa e alle sue figlie non può che unirsi con fraterno affetto alle Ancelle del Sacro Cuore ed a tutta la Chiesa della Regione ed elevare al Dio , Uno e Trino , l’inno di lode e di ringraziamento per l’evento .Da anni ho pregato perchè la Venerabile potesse essere riconosciuta prima Beata e poi Santa e con profonda commozione ho partecipato alla sua ricognizione canonica ed oggi posso con filiale affetto chiamarla Santa Caterina Volpicelli .
    Per la sua intercessione , chiedo al Buon Dio di benedire tutte le opere di misericordia corporali e spirituali presenti nelle nostre realtà locali , tutti i nostri Padri Vescovi ed il Sommo Pontefice .
    Il prossimo appuntamento è a Roma il 26 aprile 2009 per essere con Papa Bendetto XVI protagonisti di questo memorabile evento.
    Diacono Francesco Giglio

    XVII Giornata del malato
    Posted on by admin
    XVII GIORNATA MONDIALE del MALATO
    “educare alla salute,educare alla vita”
    Domenica 8 febbraio,nella chiesa di N.S. di Lourdes (Matierno),la Consulta Diocesana per la pastorale della Salute si è riunita in preghiera con tutte le Associazioni,i movimenti ed i gruppi che operano nel campo della salute e dell’assistenza ai fratelli ammalati.
    La veglia di preghiera presieduta da Mons. Marcello De Maio,Vicario Generale dell’arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno,preparata e guidata dalla Comunità Diaconale di Salerno,ha visto la partecipazione di numerosi sacerdoti, di alcuni cappellani ospedalieri e di un’assemblea numerosissima. Tutti hanno pregato con fede il Signore della “vita” solennemente esposto con la recita del Santo Rosario.
    La funzione aperta dal saluto del Vicario Episcopale per la Pastorale della Salute,don Giovanni Albano,si è conclusa con il ringraziamento del parroco della chiesa ospitante don Giacomo Palo,Direttore dell’Ufficio Missionario diocesano.
    Nella sua omelia Mons. De Maio,ha sottolineato come i frutti del Sinodo,da poco conclusosi,cominciano a vedersi ,constatato l’ottimo lavoro di squadra svolto dalla Pastorale della Salute e dalla Comunità Diaconale.
    Dopo la benedizione eucaristica,una breve processione e l’omaggio floreale alla statua di N.S. di Lourdes,ha concluso la veglia. Un grazie di cuore a quanti,con la preghiera hanno testimoniato la loro fede,l’attaccamrento alla vita e soprattutto l’amore per i nostri fratelli ammalati e a tutte le Associazioni,i movimenti,gli Enti ed i gruppi che hanno aderito all’iniziativa.
    Il Coordinatore Diaconale Diac. Francesco Giglio

    Tivoli: Quattro nuovi lettori verso il diaconato
    Posted on by admin
    Il prossimo 14 febbraio 2009 alle ore 17.30 nella Basilica Cattedrale di San Lorenzo in Tivoli, S.E. Mons. Mauro Parmeggiani presiederà la Celebrazione Eucaristica durante la quale istituirà nel Ministero del Lettorato Roberto Innocenti della Comunità Parrocchiale della Madonna della Fiducia in Tivoli, Fabrizio Luna della Comunità parrocchiale di Santa Maria Goretti in Villaba di Guidonia, Alberto Cosimo Romano della Parrocchia di San Nicola di Bari in San Polo dei Cavalieri e Giuseppe Volpini della Parrocchia Nostra Signora di Lourdes in Albuccione di Guidonia. I quattro nuovi lettori sono in cammino verso il diaconato permanente. I migliori auguri del nostro sito.

    In ricordo dei diaconi tornati alla Casa del Padre della arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno
    Posted on by admin
    Un doveroso ricordo per i “Diaconi permanenti” della nostra Comunità Diocesana,che sono tornati alla “Casa del Padre”,dopo un servizio compiuto in perfetta sintonia con la propria consacrazione. Quando,infatti,nel 1978 nasceva a salerno il ” Diaconato Permanente ” nessuno poteva pensare che lo Spirito Santo avrebbe prodotto in 30 anni tante scintille di santità.
    E’ prorpio vero che la santità si scopre dopo la morte, per cui oggi, guardando indietro, possiamo affermare di aver avuto la gioia di essere stati testimoni oculari della Santità di Dio riflessa in tanti fratelli Diaconi. I miei ricordi personali iniziano e per il momento finiscono intorno all’altare del Signore.
    Iniziano con il commosso pensiero a don Attilio Punzi (01/05/89), nella Chiesa di S. Felice in Felline, e di don Matteo Barrella (11/07/06) in Cattedrale. Tutti e due hanno in comune la Madonna: per don Attilio la Vergine di Lourdes (era in servizio per la Pia Unione A.M.A.S.I. quel giorno); e per don Matteo , la Madonna di Fatima(i suoi funerali si sono svolti il 13 luglio).
    I miei pensieri vanno indietro nel tempo a figure come don Antonio Barone (12/01/95),anch’egli in servizio presso la Curia Arcivescovile, a don Gregorio Lordi (12/07/92) .
    Al caro Diacono con il rosario,come amavo scherzosamente chiamare don Giuseppe Altobello (23/03/92),mio compagno di servizio presso l’I.S.S.R. di Salerno; a don Armando Antonucci (08/11/00),primo Presidente dell’Istituto Sostentamento Clero della Diocesi ;al buon don Angelo Juliano (29/10/98) ,gran lavoratore presso i Padri Saveriani e papà di un missionario Saveriano.
    Al mio fratello più grande dell’Azione Cattolica Italiana, don Alfonso Romano (05/01/00),con il quale ho condiviso tanti momenti belli e felici: Fu proprio lui che con insistenza si prodigò perchè in Diocesi nascesse il Diaconato permanente,e proprio perchè ne era innamorato e convinto, volle cimentarsi in un lavoro editoriale scrivendo un libro dal titolo ” Deve venire Gesù Cristo ?”.
    Il ricordo va anche al gruppo dei confratelli di Eboli e cioè a don Domenico Pucciarelli 02/12/98,a don Gerardo Rosati (07/12/99) e don Piero Visconti (23/02/01). Un ricordo particolare per don Angelo Ruggiero (28/07/92) che potè testimoniare il suo amore al Signore con un lungo periodo di sofferenza.
    L’allegro don Mario Aliperta (04/04/05), il farmacista di S. Gregorio Magno e amante del caffè. Era solito venire agli Esercizi Spirituali con la sua macchinetta elettrica per il caffè e in alcuni momenti la sua stanza diveniva il bar della comunità.
    Ancora un ricordo per don Umberto Visconti (27/11/03) . Il caro confratello don Lorenzo Spirito,che ci deliziava con il profumo della sua pipa; don Mario Siniscalchi (10/09/05) e don Antonio Villecco (18/02/01). Don Leopoldo De Ferrante,(22/11/06) il quale non potendo partecipare alla vita della Comunità, data la sua età, si era assunto l’impegno,sempre efficacemente svolto,di pregare per le sue necessità. Ed infine don Vincenzo Arcione (07/10/08).
    Tanti nomi,tanti volti,tante storie,ma l’unica immagine della variegata Santità di Dio.
    Nella singolarità e nell’individualità tutti hanno,anche se con diversità,interpretato,vissuto e realizzato la storia del Diaconato a Salerno: In questa carrellata di ricordi non può mancare il caro Mons. Alfonso Tisi (02/06/05) ,nostro padre,amico difensore e scopritore di tutte queste scintille.
    Mi piace pensare che tutti i miei confratelli oggi,insieme ai nostri Pastori Mons. Gaetano Pollio e Mons. Guerino Grimaldi ed uniti a Mons: Tisi e a tutti gli Aspiranti,Lettori ed Accoliti,in Paradiso cantano le lodi di Dio e con affetto fraterno quardano e pregano per la Santa Chiesa che è in Salerno-Campagna-Acerno,e per il suo Pastore Mon. Gerardo Pierro che ha festeggiato 50 anni di sacerdozio e 25 anni di episcopato al servizio dei fratelli e della Chiesa.
    Rallegrati Chiesa di Salerno perchè il Signore della storia ti ha concesso tante grazie e soprattutto tanti testimoni convinti ed innamorati della Sua Santità. Un garzie di cuore a questi nostri fratelli che nel silenzio e nell’umiltà hanno saputo servire e soffrire in attesa del giusto premio.
    Anche se in terra la nostra Chiesa locale è diventata più povera,mi consola il pensiero che la povertà della terra è la ricchezza del cielo.
    Diacono Francesco Giglio

    Commissione Regionale Diaconato Campania
    Posted on by admin
    Nell’accogliente palazzo vescovile di Teano-Calvi e sotto la paterna presidenza di S.E. Mons. Arturo Aiello (Delegato C.E.C. per il Diaconato), si è svolto il giorno 14 gennaio 2009 l’incontro della Commissione Regionale del Diaconato.
    Erano presenti i Diaconi di nove diocesi della Campania e tre Delegati vescovili.
    Dopo la preghiera dei Vespri guidata dal Padre Vescovo,il Coordinatore Regionale ha relazionato sul Seminario di Studio svoltosi a Roma dal 17 al 19 novembre 2008, fortemente voluto dalla Commissione C.E.I. per il Diaconato.
    Ai presenti e’ stato consegnato una sintesi dei lavori del Seminario e le prospettive sui criteri di discernimento e gli itinerari di formazione.
    E’ seguita una approfondita discussione e soprattutto è nata la convinzione che, a differenza del passato ,sembra che questa volta la Chiesa italiana nelle Sue componenti “Vescovi,Presbiteri e Diaconi”,voglia rivivere,alla luce della rilettura dei documenti conciliari ,una rinnovata stagione diaconale.
    E’ stato questo l’auspicio e l’augurio di tutti i presenti.
    Dall’approfondimento sono emerse anche riserve e qualche perplessità e quindi luci ed ombre sul Diaconato nella Chiesa italiana.
    E’ forte, però, l’attesa di un momento fraterno e gioioso di incontro che veda tutti impegnati a meglio chiarire : ” quale servizio per quale Chiesa ?” .
    Questa domanda riguarda tutto l’Ordine Sacro e ci richiama,nel rispetto dei ruoli,ad essere insieme corresponsabili e non solo collaboratori.
    Si è passato poi a preparare il momento regionale che vedrà coinvolti tutti i Diaconi ed i Delegati Vescovili.
    Quest’anno l’incontro si terrà il 6 giugno 2009 nella diocesi di Teano-Calvi.
    Il programma dettagliato dell’intera giornata sarà stabilito nell’incontro che la Commissione terrà l’11 marzo 2009, alle ore 16,30, nei locali della C.E.C. a Pompei.
    Sarà compito della Segreteria Regionale comunicare il programma ed estendere l’invito a tutte le Comunità Diaconali,ai Delegati Vescovili ed ai Padri Vescovi della Regione.
    Fin d’ora si precisa che l’ncontro è aperto agli Aspiranti,ai Lettori,agli Accoliti,ai Diaconi,alle spose ed ai figli.
    Essendo questo un momento di gioiosa condivisione intorno alla Mensa Eucarestia ed a quella conviviale,si esortano tutti a partecipare.
    La riunione si è conclusa con la preghiera finale,il ringraziamento al Signore per il dono dell’unità e la paterna benedizione del nostro Padre vescovo Mons. Aiello.
    Il Coordinatore Regione Diac. Francesco Giglio

    il 22 novembre a Napoli nuove ordinazioni
    Posted on by admin
    L’Arcivescovo di Napoli, il Cardinale Crescenzio Sepe, il prossimo 22 novembre, nella nostra cattedrale, ordinerà ventinove nuovi diaconi permanenti della Chiesa napoletana.
    La “bella notizia” parla della legittima gioia delle comunità dalle quali provengono i candidati, sparse un po’ in tutto il territorio della nostra vasta e bellissima diocesi, e della trepidazione con la quale noi tutti attendiamo un momento così importante nel nostro cammino di fede.
    Il diacono è molto ben descritto nelle parole di un testo autorevole che così si esprime “Animatore del servizio, ossia della diaconia della Chiesa, presso le comunità cristiane locali, segno e sacramento dello stesso Cristo Signore, il quale non venne per essere servito ma per servire” (Paolo VI, motu proprio Ad Pascendum).
    Un servizio che da uomini maturi, mariti e padri di famiglia, oltre che (in gran parte) lavoratori inseriti in vari contesti professionali, abbiamo sempre cercato di vivere nelle parrocchie, nella famiglie e nel lavoro. Un cammino certo non facile, nel quale ci siamo dovuti confrontare spesso con tante difficoltà e, soprattutto, con la nostra fragilità che abbiamo sempre consegnato al Signore, confidando nella forza dell’amore e nelle grazie che non mancano mai a coloro che si dedicano al servizio della Chiesa.
    Il “ministero” che riceveremo, per le mani del nostro Arcivescovo, ci investirà di una responsabilità che cercheremo di esercitare in sintonia con le parole dell’apostolo Paolo ai Galati: “Per amore fatevi servi gli uni degli altri” (Gal. 5,13).
    Molti sono stati coloro che ci hanno incoraggiati e seguiti nel discernimento vocazionale e nel cammino formativo: parroci, direttori spirituali, responsabili e docenti dell’IDIM, singoli fedeli, parenti, colleghi di lavoro e amici. A tutti il ringraziamento sentito e commosso non solo nostro ma di tutta la diocesi che, con l’aiuto del Signore, potrà presto contare sul lavoro e sulla dedizione dei nuovi diaconi.
    Gabriele Poggiali










    Torna ai contenuti | Torna al menu